Germani: altra sconfitta con Tortona

Naz Mitrou-Long

L’arma in più della Germani

BRESCIA - Il suo albero genealogico ha più rami di una quercia secolare: canadese con cittadinanza greca, ma di origini trinidadiane. 

Uno strano mix, che non gli ha impedito di farsi conoscere dal pubblico cestistico americano (per tradizione molto esigente) con le sue apparizioni negli Utah Jazz e Indiana Pacers.

Non aveva mai messo piede fuori dai palcoscenici di NBA e D-League, ma fin dalle prime apparizioni in maglia biancoblu Naz Mitrou-Long ha fatto vedere di che pasta è fatto: tanta grinta, tanta precisione e una mano capace di incanare i fan della Germani.

Così è stato! Il play/guardia classe ’93 è stata una delle armi più pesanti a disposizione di coach Magro in questo inizio di stagione: 17 punti, 5 rimbalzi e 5 assist di media a partita (nelle prime 9 apparizioni). Numeri che lo fanno volare ai primissimi posti come miglior realizzatore e miglior assistman di tutta la Lega.

Nel giorno di Halloween, poi, ha fatto rivivere i fantasmi della finale di A2 ai tifosi bolognesi (sponda Fortitudo) con una gara da 25 punti e una valutazione di 23. Una prestazione che non può, e non deve, essere paragonata ad una rosa nel deserto, ma che è frutto di un percorso di crescita continua che Naz ha avuto da quando ha messo piede all’ombra del Cidneo.

Un percorso che purtroppo non va molto a braccetto con l’inizio zoppicante della Germani in campionato. Un doppio binario che se viaggerà parallelo farà innamorare ancora di più i bresciani di un cando-greco-trinidiano (sperando si scriva così).

I nuovi della leonessa - A.M.

P.I. 03466010984 | © 2021 Fantafobal.it


Gli articoli contenuti in questo sito non corrispondono alla realtà e sono stati redatti a scopo esclusivamente umoristico. Ogni riferimento a persone o cose è strumentale allo scopo puramente ironico del sito. Gli autori delle immagini o i soggetti coinvolti possono in ogni momento chiederne la rimozione, scrivendo alla redazione.