Arriva il Nanometro!

Arriva il Nanometro!

Problemi nel controllare le fondazioni?

WINTERFELL – Per regalarvi questo reportage, cari lettori, mi sono dovuto imbacuccare per bene e inoltrarmi nel gelido Nord. Ma ne valeva la pena.


Posso infatti raccontarvi un’ incredibile esperienza scientifica svolta dalla giovane ricercatrice in glaciologia Bianca Snow. La ragazza in questione fa parte del pool di brillanti laureati dell’Università di Grande Inverno  incaricati dal Magnifico Lord Rettore di costruire una gigantesca barriera di ghiaccio. Una terribile minaccia infatti si ripercuote annualmente: l’invasione del campus ad opera dei bruti gestionali.

Bianca ha l’arduo compito di costruire empiricamente il diagramma della variazione di tensione all’interno dei 7 piloni che sosterranno la barriera sotto il piano campagna. “Il ghiaccio puro è un materiale difficile da trattare: il problema principale è studiare l’andamento della resistenza al taglio al variare della temperatura esterna. I miei piccoli 7 nanetti – così la Dottoressa Snow chiama i piloni – sono talmente piccoli rispetto al resto della struttura anche se svolgono una funzione essenziale. Pensi che uno di essi è appena appena più minuto degli altri… l’ho chiamato Cucciolo!”.

E si sa, l’essenziale è invisibile agli occhi, ma non alla geniale mente di Bianca Snow: attraverso un sistema di piccoli fori e canaletti collegati ad un serbatoio di aria mantenuta a condizioni normali la ricercatrice è riuscita a costruire un rivoluzionario strumento di misurazione della variazione di pressione all’interno dei 7 piloni. La ricercatrice, restando fedele a quanto dichiarato prima, ha battezzato lo strumento … nanometro!

P.I. 03466010984 | © 2019 Fantafobal.it


Gli articoli contenuti in questo sito non corrispondono alla realtà e sono stati redatti a scopo esclusivamente umoristico. Ogni riferimento a persone o cose è strumentale allo scopo puramente ironico del sito. Gli autori delle immagini o i soggetti coinvolti possono in ogni momento chiederne la rimozione, scrivendo alla redazione.